AGENZIE PER IL LAVORO:

falsi annunci per aumentare gli utenti iscritti?

 

OSS, Infermieri, Medici, Tecnici. Contratti a termine gestiti da Agenzie Interinali. La nuova Frontiera del Fake Work. Falsi annunci e aziende Fantasma. Che valore hanno realmente le Risorse Umane?

 

Facebook come Linkedin continuano a notificarmi la mia prolungata assenza dalle pagine Social, ma gli Istant-Socialmedia che si nutrono di istantanee di vita, spesso non sanno che un’inchiesta richiede tempi lunghi di osservazione e di una buona raccolta dati.

 

 

La mia analisi sulle agenzie interinali per il lavoro e sulle inquietanti modalità di reclutamento di personale.

 

 

 Durante la fase COVID19, in piena emergenza sanitaria, resto sconcertata e soprattutto incuriosita.

Indeed piuttosto che InfoJobs rivelano uno sconcertante quadro sulla situazione lavorativa in Italia.

 

 

 

 

Ero davvero incredula davanti a queste immagini.

OSS e Infermieri piuttosto che medici e tecnici, i SuperEroi del momento, osannati e lodati da ogni emittente digitale, si dovevano interfacciare con le Agenzie Interinali per il Lavoro per trovare un’occupazione (a tempo determinato ovviamente).

 

 

Ho inizialmente ipotizzato che gli impegni ministeriali piuttosto che quelli amministrativi-statali fossero allo stremo e che vista l’urgenza o meglio l’Emergenza i Recruiter più veloci nel preparare contratti a termine e visionare Curriculum Vitae fossero proprio i dipendenti di questi colossi nazionali ed internazionali che si occupano di (Risorse) (Umane).

Restai ulteriormente sconcertata quando tra giugno ed agosto, periodo di meritate ferie, la situazione nei portali di ricerca non era mutata ma anzi perseverava.

 

Questo è solo l’epilogo.

 

 

 

Mano a mano che la mia curiosità si accentuava, si accentuava anche la mia necessità di trovare lavoro. Più la mia necessità di trovare lavoro per mandare avanti “la baracca” aumentava, più tendevo a rivalutare la mia gerarchia interiore accettando compromessi, con me stessa prima e con gli altri poi, pur di occuparmi lavorativamente (e come me altre persone).

 

Quello che ritengo sia l’Inizio di questa assurda vicenda che mi incuriosisce così tanto, risale ad aprile 2019 quando a 10 giorni dalla laurea, ero già occupata tramite agenzia e per l’Agenzia stessa, per un progetto Nazionale del quale andavo molto entusiasta.

Ottima paga, benefit aziendali e una mansione stimolante, finché una gestione poco chiara/corretta sulle dinamiche del progetto e repentini cambiamenti sulle modalità lavorative, che a me non piacevano e trovavo politicamente scorrette, mi hanno convinta a licenziarmi in totale autonomia prima del termine previsto da contratto.

 

Con la chiusura del rapporto lavorativo anche la minaccia:

 

“sei una persona cattiva; non lavorerai più con noi e così per nessuna agenzia“.

 

 

 

Restai male, mancava un mese e mezzo, avrei potuto resistere e chiedere la disoccupazione al termine del progetto ma scelsi diversamente e se il malocchio o le fatture sono tradizione popolare dopo più di un anno questa frase mi fa’ spesso eco in testa mettendomi la pulce nell’orecchio.

.

.

.

Lasciai passare il periodo estivo e il “fermo caccia” per poi riprendere la stagione.

Per tutto il mese di settembre ho “frequentato le agenzie interinali” compilando moduli, portando Curriculum dettagliati redatti correttamente in formato europeo; ho frequentato addirittura un corso di Personal Branding per poter costruire un immagine sempre più accattivante e dettagliata che mi permettesse di trovare occupazione nel settore in cui mi sono laureata e successivamente formata.

 

Sembrava che prospettive lavorative per me non ce ne fossero.

 

Mi sono laureata in Scienze della Comunicazione, un’indirizzo socio/umanistico anche se appartenente al filone di Scienze Politiche, dove si studiano i Media nel loro ampio spettro secondo l’evoluzione e l’impatto sociale, con una tesi in Risorse Umane.

Le materie del corso di Scienze della Comunicazione si accostano e avvicinano a quelle previste dal corso di laurea in Marketing (il corso universitario in Marketing segue tendenzialmente il filone economico) ma non sono le stesse e non prevedevano nel mio caso esami in grafica o video e foto editing.

 

 

Nel pordenonese però, SEMBRA che gli esperti selezionatori delle agenzie, quelli che ritengono il tuo Curriculum troppo o troppo poco, non si sa rispetto a quali competenze tecniche in materia, sono gli stessi che ricercano figure indefinite ma complete.

In parole povere, si cerca l’idraulico che faccia pure l’elettricista e perché no? che sappia pure fare il meccanico con esperienza pluriennale maturata in aziende strutturate.

 

Il rischio, infatti, è che in sede di colloquio, quando il Manager ti chiede se conosci il CRM o se sai analizzare o indicizzare i dati di un campione raccolto, tu rispondi che conosci solo il metodo di ricerca qualitativo o quantitativo che hai studiato per l’esame di Metodi e Tecniche della Ricerca Sociale.

 

 

Davanti a “tanta poca” chiarezza non mi fermo e do’ inizio ad un percorso professionalizzante che mi permetta di delineare ancora di più il mio profilo lavorativo e ampliare in tutti i campi di interesse le mie competenze tecniche e le mie conoscenze.

 

Tantissima teoria per avvicinarmi agli standard richiesti, (inserisca nel cv l’intenzione di frequentare un corso di lingua/un corso di….) pratica ed esperienza non misurabili secondo le loro metriche e richieste.

 

NEOLAUREATO in marketing o comunicazione con (3/4/5 anni) COMPROVATA ESPERIENZA

Un NEO-laureato dove ha maturato 2/3/4 anni di esperienza? Cosa si intende per esperienza? E cosa si intende per NEOLAUREATO (0-6/ 6-12/ 12-24/ 24-36)

.

.

.

Insomma il mio CV prende la forma visibile sulle immagini e viene corredato di ” Buongiorno/ Cordialmente” e la frase di rito:

” per qualsiasi dubbio o chiarimento in relazione al CV da me inviatoVi, resto a Vostra completa disposizione”

 

 

Inizia un’accurata ricerca e selezione di posizioni lavorative aperte sul web, offerte che richiedono

 

PENA ESCLUSIONE

 

la registrazione al portale dell’agenzia a cui è stata commissionata la ricerca e in poco tempo mi ritrovo così iscritta sui database di tutte le agenzie della provincia di Pordenone (prospettiva <1).

 

Neanche Linkedin che offre uno spettro di gestione, per le Interinali, completo e molto efficiente (sconosciuto ovviamente agli utenti non Premium e non registrati come Agenzia per il lavoro) va bene per inoltrare un Curriculum Vitae in maniera molto più repentina e dinamica.

 

I NON “utilizzatori” di queste piattaforme Social, sono gli stessi Recruiter che devono decidere se il mio CV per la posizione di Social Media Manager può essere inoltrato o meno alle aziende commissionarie.

 

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

Le stranezze non finiscono qui.

 

Per prassi e mia personale abitudine ad ogni CV che invio segue una telefonata all’agenzia per informare l’operatore della mia candidatura e chiedere informazioni più dettagliate sulla ricerca in corso.

 

(Casualità) La telefonata viene liquidata 85% delle volte con un:

 

“E’ la mia collega che segue questa ricerca. Momentaneamente è occupata/ non è in ufficio/ lavora solo 2 giorni a settimana/ lavora in SmartWorking. Lasciamo una nota provi a richiamare domani.

 

…….così il martedì, il mercoledì e il giovedì

 

                      

 

Inizio anche a rendermi conto che uno stesso annuncio (PUBBLICATO 2 GIORNI FA) (sembrerebbe dal padre eterno) è gestito da più agenzie, During, ManPower, ADHR, GiGroup, CooperJob per fare alcuni nomi e se con un’agenzia riesci a parlare almeno al telefono le altre rispondono:

 

LA RICERCA E’ MOMENTANEAMENTE SOSPESA.

 

Annuncio pubblicato 2 giorni fa, la ricerca è momentaneamente sospesa? 

 

  • Cosa significa esattamente?
  • Sta’ ricerca è o non è in corso?
  • Di 4 agenzie con la stessa ricerca aperta è possibile che nessuna reputi interessante approfondire il mio CV?
  • E’ possibile che su 4 agenzie nemmeno una mi metta in contatto con l’azienda per avere la possibilità di parlare di tecnicismi che ahimè non fanno parte del mestiere del selezionatore?

 

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

 

Posso dimostrare senza problemi, che i Curriculum da me inviati alle agenzie per il lavoro in un anno per mansioni di Marketing, Social Media Marketing, Comunicazione, Content Management, o anche semplicemente per ruoli di Front/Back Office sono innumerevoli.

Sono innumerevoli le risposte che non ho mai ricevuto,

E innumerevoli sono le registrazioni che ho dovuto fare ai Database delle agenzie per poter mandare un CV e ricevere come tutta risposta questo scempio ogni mattina:

 

 

Allora mi chiedo:

 

  • Sono tutte vere queste offerte di lavoro?
  • Quanto di tutto ciò è reale?
  • Che valore hanno realmente le Risorse Umane? €€€
  • Perché un’azienda privata in 2 giorni ti fissa un colloquio e loro non sono capaci di collocarti in 1 anno?
  • Il Fake-Work è la nuova e oscura frontiera?
  • Quali sono le tanto misteriose aziende che stanno reclutando o assumendo?
  • Quali sono i criteri di valutazione dei candidati?

 

Vorrei trovare davvero risposta a questa strana casualità e soprattutto capire se ci ho visto più lungo di quanto avrei dovuto o le “fatture popolari” funzionano davvero!!